La scintilla dell'essere straordinari

Cosa serve ad un blog (e non solo) per essere straordinario

Per te che mi segui dall’inizio forse è un fatto noto, sicuramente non è così per chi magari mi sta leggendo per la prima volta: questo blog è nato più di un anno fa un po’ in sordina, perchè volevo mettere alla prova la mia capacità di creare qualcosa che fosse veramente mio e che mi desse un po’ di ossigeno dalle mere operazioni di routine svolte in ufficio quotidianamente. Durante quest’anno di attività ho raggiunto risultati alterni, passando da momenti di estrema carica a momenti di delusione ma, tutto sommato, sono stra-contento di aver intrapreso questa strada e per nessuna ragione al mondo mollerò questo progetto: vuoi sapere perchè?

Perchè il meglio deve ancora venire!

“Hey Rick, ma quindi qual è questo strumento segreto per rendere il blog straordinario?!?”

Ora c’arrivo!
In questi mesi, in particolare in queste ultime settimane, mi sono scervellato su come dare un giro di vite definitivo a questo blog per fargli fare il salto di qualità che sogno da quando l’ho aperto.
Mi sono quindi chiesto (e sono sicuro che ti sei posto le stesse domande per il tuo blog o per la tua attività):

Che cosa diamine mi serve?
  • Una grafica più accattivante? Non credo, il tema che uso per questo blog è pulito, ordinato e bello da vedere.
  • Imparare ad usare i social? In realtà sono già presente ed attivo sui principali social network: Facebook, TwitterGoogle+, Linkedin e su ognuno di essi pubblico puntualmente un riferimento ai nuovi articoli del blog.
  • Aumentare la qualità dei contenuti? Ovvio che sì! La qualità non deve mai essere messa in discussione e non si finisce mai nè di imparare nè di migliorare.
    Credo però che questo attributo non manchi al mio blog. Alcuni tra i contenuti più tenici ed apprezzati di questo sito sono molto rari da trovare in lingua italiana e di questo vado orgoglioso.
  • Aumentare la frequenza delle pubblicazioni? A riguardo ci sono un sacco di correnti di pensiero: ci sono blog straordinari aggiornati una volta al mese (anche mese e mezzo alle volte) come quello di Dario Vignali e, all’opposto, un blog aggiornato quotidianamente come My Social Web di Riccardo Esposito. Il comune denominatore di questi due approcci è l’estrema qualità dei contenuti ma la frequenza è un fattore che deve calzare a pennello coi propri ritmi, con gli argomenti e con le proprie attitudini. Troppo soggettivo per dare una ricetta definitiva!
  • Tutti dicono che devi avere una newsletter. È vero, bisogna averla e a me manca. Quindi mi sono messo all’opera per imparare ad usare Mailchimp ma…

È successo qualcosa. Mi sono fermato a guardare lo schermo per alcuni secondi con gli occhi vuoti.
In quel momento ho capito che non sarei mai stato in grado di strutturare una newsletter.
Perchè puoi imparare ad usare WordPress a menadito, preparare i tuoi contenuti con un occhio alla SEO, puoi impostare degli automatismi straordinari con IFTTT o Hootsuite, puoi creare in 5 minuti una newsletter con Mailchimp ma uno e uno solo solo è lo strumento che renderà il tuo blog straordinario: la strategia.

Tecnicamente puoi essere il guru tutti gli strumenti che vuoi ma se non hai una strategia a monte, saranno solo utilità e tecnicismi vuoti il cui utilizzo sarà fine a se stesso.

Non saranno gli strumenti del web nè il cloud a salvare te, la tua attività o il tuo blog, bensì il loro corretto utilizzo al servizio della strategia che hai in mente!

Tutto deriva da quella e, se non ne hai una, il blog stesso rimarrà senza uno scopo, in balìa delle folate della tua ispirazione. Se vuoi essere straordinario non basta.

Quindi, mettiti a tuo agio, prenditi qualche ora, nella tua stanza preferita con un foglio enorme e tanti pennarelli colorati, magari con un caffè o la bevanda che preferisci. E comincia a pensare, a scrivere, a fare una mappa delle parole che rappresentano ciò che sei e ciò che fai. Pensa a chi vuoi arrivare e cosa vuoi comunicare col tuo blog (magari seguendo questa traccia di strategia degli amici di Your Extra Social). Se raggiungi questo, qualunque strumento web, cloud o diavoleria che tu decida di usare, suonerà all’unisono insieme al blog, ai social, alla newsletter.

È un percorso che anch’io sto cominciando ora, non è facile come sembra ma è entusiasmante perchè permette di usare entrambi gli emisferi del cervello: dalla razionalità nel sistemare il codice di WordPress alla follia di mettersi chiuso in una stanza a scrivere parole strampalate su una mappa mentale con dei pennarelli colorati.

È  una nuova sfida ed è la carica di adrenalina tipica di quando apprendi nuovi concetti e nuove competenze che vuoi mettere in pratica e condividere: adoro farlo! E tu?

D’ora in poi, su questo blog, condividerò con te le mie scoperte e i miei progressi in ambito informatico e web e, se lo vorrai, ti aiuterò col blog, coi social e (perchè no) anche con il tuo PC o Mac, a casa o in azienda con la tua infrastruttura.
Perchè la sfida tecnologica da vincere quotidianamente non è solo sul web ma parte anche dall’efficienza dei tuoi dispositivi e la mia esperienza da sistemista (ricordi?) può darti una grossa mano!

Sei pronto? Ti aspetto nei commenti per cominciare quest’avventura!

Pubblicato da

Riccardo Corna

Sistemista informatico certificato su tecnologie Microsoft ed Apple, geek atipico con una passione per le t-shirt stupide, stregato da tutto ciò che riguarda comunicazione e crescita personale, autore dei siti ITSpecialist.pro e AppleSpecialist.pro.